Recensione Il frustino di Pam Godwin a cura di Moira

IL FRUSTINO di PAM GODWIN
GREY EAGLES PUBLICATIONS
(II° VOLUME “I SENTIERI DEL PECCATO”)

DATA DI USCITA 15/09/2022

DISPONIBILE SU KINDLE – COPERTINA FLESSIBILE (394 PAGINE)

Proteggo ciò che è mio.
Il ranch, la mia famiglia, i nostri segreti sepolti.
Niente mi impedirà di ricomporre la vita che è andata terribilmente storta.
Né la legge.
Né i nostri nemici.
Nemmeno Maybe Quinn.
La bellissima giornalista attaccabrighe non avrebbe dovuto intromettersi.
Io non avrei dovuto farla restare.
Ma lei nasconde qualcosa in quegli ingannevoli occhi azzurri.
Qualcosa di più profondo della sua sete di notizie.
Ho stretto un accordo con lei per guadagnare tempo.
Per svelare le sue bugie. Per giocare con lei. Per soddisfare i miei appetiti più oscuri.
Quando si sarà piegata a me, la manderò via.
A meno che… non ceda prima io.”


Buongiorno Peccatrici,
pronte a tornare al Julep Ranch e a conoscere Jarret Holsten – il gemello di Jake – e la giornalista
Maybe Quinn?
E allora legate i vostri cavalli, tenetevi il frustino a portata di mano– sperando non vogliate usarlo…o
sì?:-) – e andiamo.
Jarret è un allevatore di bestiame come il fratello che darebbe l’anima per difendere e proteggere chi gli
sta a cuore ma non ama chi si mette a ficcare il naso al Ranch….tipo la bionda Maybe Quinn arrivata da
Chicago per avere delle risposte e non intende andarsene senza averne.


“E’ solo che non ho trovato la mia Conor per la quale mettere tutto in gioco. Manderò tutto a
fanxxxx, se troverò quella persona. Sposterò le montagne, rivendicherò il mio possesso,
marcherò il mio territorio. Io e mio fratello possiamo essere diversi sotto molti aspetti, ma
abbiamo una cosa in comune. Non ci limitiamo soltanto ad amare. Amiamo intensamente, con
ogni osso, tendine e respiro del nostro corpo.”


Maybe è cocciuta, risoluta e sarà un osso duro e una spina nel fianco per il bel cowboy che ama domare
cavalli così come le donne. Maybe avvisata mezza salvata….
Non è esattamente lì per scrivere notizie scottanti sui misteri che aleggiano intorno al Ranch e ai fratelli
Holsten, a lei non serve produrre un articolo da vendere ai giornali..c’è sotto altro, qualcosa di molto più
personale e capisce che chi può darle risposte è un uomo alto, coi capelli scuri, trasuda mascolinità da
tutti i pori e ha occhi marroni predatori.
La bella giornalista stringe un patto col cowboy e resta al Ranch in una ambigua sorta di “do ut des” ma
non si piegherà a Jarret, neanche davanti alle sue tendenze e ai suoi metodi dominanti “Quando sono
interessato ad una donna, glielo faccio capire con gli occhi. Quando voglio parlare con lei, la lego
ad una trave di sostegno e mi esprimo con la sferzata di un frustino” Le lancio uno sguardo
consapevole. “Il sesso è comunicazione al livello più profondo”

Sono entrambi seduti su casse di nitroglicerina e sono pronti ad esplodere: questi due insieme non fanno
scintille, sono una vera detonazione, ve lo assicuro. Tanto Jarret è carnale, fisico, prevaricatore, tanto
Maybe è caparbia, pungente, stimolante…e vorreste essere lei. La componente spicy è assicurata,
inutile dirvelo.
Intanto, però, i misteri al Julep Ranch non si districano, si infittiscono ancora di più, mancano ancora
tasselli per ricomporre il puzzle, vi illuderete di essere arrivate alla soluzione…beh, non abbassate la guardia. Non ancora.
La Godwin non delude neanche col secondo volume della serie: la traduzione è ancora una volta affidata a Martina Pompeo che ci rilascia una sintassi perfetta, la storia viaggia spedita senza pause e senza punti morti, mi piacciono sempre molto i dialoghi perchè sono seducenti, efficaci e dritti al punto.
Jarret Holsten, ma soprattutto Maybe Quinn sono intensi, sinceri, ben delineati e solidi: una nota di
merito all’autrice che costruisce sempre personaggi lineari, nitidi e senza sovrastrutture inutili. Dopotutto,
siamo in un ranch dell’Oklahoma dove contano i fatti, la sostanza, la concretezza e non è certo
l’ambiente per perdersi in strategie sentimentali tormentate e intricate.
Che fate? Non levatevi i jeans, lo Stetson e, soprattutto, non toglietevi GLI STIVALI: la prossima volta vi
parlerò di Lorne Cassidy e Raina, i protagonisti del terzo e conclusivo volume.
Vi aspetto per l’ultimo peccato del Julep Ranch! Moira

VOTO : 5 PIUME

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...