Recensione a 4mani di”Dire Amnesia, il campo dei soffioni” di Raffaella Grandi

Salve a tutti, eccoci a parlare del secondo capitolo della trilogia fantasy di “Raffaella Grandi”. Doppia recensione a cura di Thammy e Cristina Rotoloni. Partiamo con la mia.

51mhXAn2r1L._SY346_

  • Titolo: Dire Amnesia- Il Campo di Soffioni
  • Autore: Raffaella Grandi
  • Data di uscita: 2016
  • Editore: Youcanprint

SINOSSI: “Sono passati nove mesi dal giorno in cui Elisa è caduta nel “Buco del Diavolo” salvandosi solo grazie all’aiuto di Stephen, il misterioso angelo nell’ombra… La sua anima gemella. Un Dire Wolf.La sua vita è ormai tornata ad essere tranquilla; non ha più avuto visioni di morti imminenti, e il rapporto con Sam si trova ad una svolta decisiva.Una sera, mentre lo aspetta per festeggiare insieme il suo compleanno, ha la visione che cambierà per sempre non solo il corso del suo destino, ma anche quello di molte persone che le vogliono bene.Scompare per diverse ore e, quando finalmente viene ritrovata sanguinante e sotto shock accanto ad un cadavere brutalmente dilaniato dai morsi di una bestia feroce, Sam e Stephen capiscono subito che quell’episodio l’avrebbe segnata per sempre. Un violento colpo alla testa le ha causato una frattura cranica, spazzando via i ricordi degli ultimi due anni di vita… Compresi quelli dell’omicidio a cui, con tutta probabilità, ha assistito. Riuscirà Elisa a scoprire chi si nasconde dietro l’efferato omicidio di cui non ricorda niente? Cosa ne sarà del suo rapporto con Sam, ora che non ricorda più nulla del loro amore?”Un’avventurosa corsa contro il tempo.Un giallo che si svela un poco per volta.Un’appassionante storia d’amore che vi terrà con il fiato in sospeso fino all’ultima pagina.”Dire Amnesia- Il Campo di Soffioni”è la prima parte del seguito di “Dire Wolf”.


La nostra Raffaella Grandi ci lascia nel finale del primo libro con Elisa che, dopo aver vissuto emozioni veramente turbolente, sembra finalmente aver trovato ” il suo posto nel mondo”.
E’ finalmente “serena”, il pericolo che incombeva su di loro, il DIRE WOLF assassino non c’è più e lei ha fatto una scelta…
Ha scelto Sam! A discapito del legame viscerale di anime gemelle con Steph, lui rimarrà sempre parte di lei…

Recensione
La storia riprende con una Elisa felice, sono passati quasi due anni dal suo arrivo a “Cinte”, tutto sembra aver trovato un suo perchè.
I vari segreti e pericoli sembrano superati. La sua storia d’amore con Sam sembra finalmente arrivare ad una svolta…

Steph rimarrà sempre al suo fianco, anche se nell’ombra continuerà a vegliare su di lei, ha chiuso fuori i suoi sentimenti per lei, il legame che li unisce dalla nascita, soffocando in un angolo del suo cuore, il suo tormento, ha accettato la scelta di Elisa…35077724_2184517235103753_4650351869531521024_n
…”Quello che voglio dire, ragazzina, è che non ti lascerò mai da sola.MAI. Qualsiasi decisione tu prenda. Qualunque passo falso tu commetta volontariamente, per leggerezza, o senza rendertene conto”..
Ma il destino gioca brutti scherzi: quando sembra che veramente tutto sia risolto, ecco che tutto crolla! Elisa, le sue visioni, un DIRE WOLF, UN VERO SERIAL KILLER…
Ely parte nella disperata speranza di salvare il povero Tullio e anche lei viene aggredita battendo la testa.
Da qui tutto cambia, tutto si spegne; perde la memoria, non ricorda più gli ultimi due anni della sua vita: non ricorda del suo amore per Sam, per lei è ancora solo il suo migliore amico, non ricorda del “legame” con Steph, non ricorda cosa sono… Cosa è lei…
Qui tutto si rimette in gioco e ammetto di aver esultato come una matta! Essendo io una fan sfegatata di STEPH!


Si ritroverà a vivere tutte quelle sensazioni, forti, viscerali, quel legame, quella “connessione” con Steph libera dall’amore che provava per Sam (e io qui comincio a fare il tifo… Anche se mi dispiace per Sam)
34211582_2022034524782906_1333585739090231296_n
Ma il pericolo incombe! Chi è questo DIRE sanguinario, che riesce ad entrare nella mente di Elisa e parlarle? Cosa vuole da lei? Perchè minaccia di far del male alle persone che la circondano?
A quel punto, con l’aiuto di Cris, decide di allontanarsi da Cinte, dalle persone che ama per tenerle al sicuro e parte con Steph.
Momentaneamente al sicuro, soli nella vecchia casa di montagna dell’infanzia di Steph, si ritrova a dover fare i conti con questo legame cosi forte così travolgente, ma lui ha costruito dei muri per proteggersi dal dolore, dall’abbandono. Ce la farà Steph a resisterle?

35079495_2184517125103764_733274036959707136_n
“Socchiusi gli occhi e, sebbene la vista di quell’enorme lupo nero chino su di me intento a leccarmi il viso avrebbe dovuto farmi rizzare i capelli in testa, rimasi calma a guardarlo. Seppi chi era senza avere la necessità di parlare o di pensare, e mi sorpresi a invidiare quella sua naturale capacità di capire e di anteporre i miei bisogni ai suoi. Perché fosse lì nonostante avesse sentito l’esigenza di prendere le distanze da me, era una forma di altruismo che gli fece guadagnare altri mille punti, ai miei occhi.
Sollevai una mano per accarezzarlo appena dietro un orecchio, dove il pelo era più corto e soffice e lui chinò la testa per arrivare ad appoggiare la sua fronte alla mia.
Il mugolio di piacere che ricevetti in risposta mi strappò un sorriso; mi girai sul dorso per prendergli il muso fra le mani.
Com’era bello poterlo toccare, coccolare anche solo così. Era strano pensare che ci fosse lui dietro a quel gigantesco lupo dall’aspetto terrificante, eppure così tenero.
Rabbrividii. Mi battevano i denti per il freddo, e il suo sguardo si fece subito attento. Mi fissò pensieroso per una frazione di secondo, poi si alzò sulle quattro zampe come se stesse per andarsene, e sentii la mia voce supplicarlo:
«Non andare via! Ti prego. Resta con me…».”

In oltre, ricordiamoci che c’è da capire esattamente “cosa” sia Ely: possiede sia il gene W sia quello D.
E proprio nel finale, dopo aver trattenuto il fiato per non so quante pagine, ecco che lei arriva alla “rinascita”… quale sarà la sua nuova forma? Quale gene avrà la meglio?
Beh per saperlo bisognerà attendere l’ultimo capitolo, perchè la mente subdola dell’autrice ha deciso di lasciarci così!
Ribadisco quello che ho detto anche nella prima recensione: adoro il suo modo di scrivere! LEGGETELO!
Vi aspetto per la prossima recensione che sarà in anteprima per l’ultimo capitolo: “DIRE AMNESIA, l’oracolo mezzogangue”
A presto, baci, Thammy
.

voto:

38085915_2233889263499883_3503792727613505536_n

Ora eccovi l’opinione di Cristina.

E’ come essere in un campo di soffioni, con il vento che li scompiglia facendo volare gli acheni tutto intorno. E’ come essere una ragazza che dorme ai piedi di un albero avvolta nel caldo abbraccio di un lupo. Da un lato è magico e accogliente, ma dall’altro è freddo e minaccioso perché il lupo potrebbe essere lì non per scaldarla. L’incognita è quello che domina tutto il secondo volume. Qui tutto è rimesso in gioco. Nulla è più come ci si aspetta e anche questo romanzo ti rapisce, non ti fa dormire. Devi importi di smettere di girare le pagine. Ci sono dei frammenti veramente belli che ti fanno sognare toccando con mano una realtà diversa. Riesci anche in questo volume a vivere tutte le emozioni dei protagonisti, ma anche delle figure secondarie. La bellezza di questa autrice è proprio la sua capacità di trasmettere quello che sentono i personaggi. Di farti essere lì con loro. Di annusare l’aria, di avvertire i rumori, i respiri, sentire i battiti dei cuori. L’intensità dei sentimenti, delle cose taciute e di quelle rivelate travolge il lettore lasciandolo in fremente attesa. Stephen resta l’alfa dominante dei personaggi, colui che lascia il segno indelebile nella storia. La sua silenziosa e costante presenza, che sa essere decisa e ferma, marca in modo indelebile un racconto che non può passare inosservato. Il libro ti entra nel cuore e ti leghi a questa storia, è difficile staccarsi da un romanzo che sembra essere parte di te.
C’è anche una chicca. L’inaspettata presenza inquietante che muove le redini di tutta la storia rende il ritmo incalzante creando un intreccio per nulla scontato. L’ambientazione alternata tra l’Italia e la Francia è valore aggiunto alla narrazione.
Mi sento ancora di consigliare questa trilogia e vista la fine sospesa è normale la mia curiosità e la voglia di leggere il terzo volume, cosa che vi confesso ho già iniziato a fare.
Rispetto al primo romanzo ho però trovato una sottile differenza che me lo ha fatto amare leggermente di meno. C’è un po’ di confusione nel testo ed Elisa perde il suo carisma, non la si riconosce. Una differenza non per forza giustificata dagli eventi. Questo non mi porta comunque a penalizzare una serie che si distingue brillantemente nel mondo dei self e per questo motivo confermo le mie 5 piume.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...