ANTEPRIMA! Recensione a 4 mani di “BRAVE WOMAN” 3° volume della serie Falco di Anisa Gjikdhima

Ciao a tutti miei peccatori, dalla vostra Thammy e da una new entry, che ogni tanto collaborerà con noi Augusta Rossi e che ha deciso di partire proprio con questa lettura.
Oggi sono strafelice e onorata di parlarvi di questo romanzo in anteprima, ho “vissuto” tutto il percorso di evoluzione di questa storia e sinceramente sono emozionata, cercherò di essere più obbiettiva possibile… Ma forse no! Non sono forse soggettive le letture? 🙂

Brave-Woman-Web-Recuperato (2)

BRAVE WOMAN – Serie Falco Vol.3

Titolo: Brave Woman (Serie Falco Vol.3)
Autore: Anisa Gjikdhima
Editore: Self Publisher
Uscita: 20 Novembre 2018
Prezzo: 2,99
Genere: Dark Romance

DISPONIBILE SU AMAZON CON KINDLE UNLIMITED

LINK: https://amzn.to/2QPJIMB

TRAMA:
Kasandra Reyes non ha mai avuto una vita facile. Cresciuta nella paura e vittima della crudeltà umana ha deciso di tenere fuori il mondo dalla sua esistenza. Solo alla sua famiglia è concesso di avvicinarsi, sapere e conoscere i suoi tremendi segreti, ma Adrian Herrera, barista e recente pilota di villa Falco, ha deciso di corteggiarla e non è disposto a lasciarla andare finché lei non cederà alle sue avance. Kasandra sarà così coraggiosa da soccombere ai sentimenti di quest’uomo, disposto a tutto per lei, o la paura di essere distrutta la farà chiudere ancor di più in se stessa? Adrian non sarà l’unico a volerla e lei dovrà fare l’ultima mossa per decidere il suo destino e quello della sua famiglia.

Bentornati a Cuba dove amore, dolore, segreti e colpi di scena vi attendono, lasciandovi fino all’ultimo con il fiato sospeso.

recensione

46410867_262245697754616_3794645971573407744_n.jpg

Questa è la storia di Kasandra… E sì, siamo abituate di solito a leggere di protagonisti maschili mentre qui troviamo lei ” Kas” come la chiamo io, perchè ormai è entrata nella mia vita e nel mio cuore, come c’è entrato un certo Adrian Herrera , il mio eroe… ma partiamo con ordine.

Abbiamo conosciuto “Kas” negli altri due volumi, dove ci viene descritta come la bella e viziata, gelida, scostante, che guarda tutti con sufficienza, che tiene tutti a debita distanza, la classica “stronza” insomma. Ed è cosi! Ma non solo…
Kas è un’anima spezzata dal suo passato, che con gli anni si è cucita addosso quella “corazza da stronza” come dico io, per riuscire a rimettere insieme i pezzi di se stessa, per riuscire a sopravvivere al dolore e nascondere le cicatrici che si porta dentro. E c’è riuscita, grazie anche al legame con i suoi “fratelli Falco”. Lavora con loro , ha la sua casetta ai margini della tenuta.
Ha il controllo sulla sua vita ora, DEVE avere il controllo!
Ma non sempre è cosi, non sempre ci riesce, tanto è forte tanto è fragile…

Adrian, il barman non che pilota della famiglia Falco, premetto da subito che io mi sono pazzamente innamorata di lui, “e come non farlo!” Si troverà rapito da quello sguardo fiero, da quella donna irraggiungibile sin dal primo incontro.
Comincerà una corte serrata, ma lei è tosta e non perde occasione per cercare di rimetterlo al suo posto, non sarà facile conquistarla. Tra battibecchi e “post-it” del buongiorno, Adrian porterà nella vita di Kas tutto quello di cui lei ha più paura, tutto quello che ha cercato di tenere lontano dal suo cuore.
…”Si muove verso di me, dovrei indietreggiare, ma non riesco a farlo. Il mio corpo si paralizza quando tra di noi la distanza è scomparsa. Non mi tocca, ma sento il suo respiro sul mio viso”«Non dire cose che non pensi, principessa», sussurra sulla mia fronte. Continuo a mantenere lo sguardo basso e prego che non mi tocchi. Potrei dare di matto e non sono in grado di affrontare il dopo, perché dovrei spiegare le mie reazioni. Non toccarmi, non toccarmi, ti prego. …

Kasandra: tanto forte e tanto fragile allo stesso tempo, si ritroverà a combattere le sue paure più grandi, le sue fobie. Riuscirà Adrian a varcare quel muro cosi ben costruito intorno a lei?
…” vedo le sue mani che accarezzano le mie braccia senza realmente sfiorarle. «Guardami, Kas. Non sono qui per farti del male», dice come se mi leggesse nel pensiero. La sensazione di terrore va affievolendosi quando lo guardo negli occhi. Le sue dita si avvicinano al mio viso, ma continua a non toccare la mia pelle, si concentra su di me, mi osserva attentamente, come se riuscisse a capire fin dove può spingersi senza il bisogno che io parli. Una parte di me vorrebbe sentire il tocco delle sue dita sul mio viso, ma la paura e il terrore si aggrappano disperatamente alla mia anima trascinandomi indietro nell’oscurità. Le sue mani mi accarezzano il viso senza toccarlo, ma riesco a sentire lo stesso il suo calore ed è piacevole”…

Ho amato e sentito questo passaggio, qui c’è tutta Kas, qui c’è racchiuso tutto il loro rapporto , il loro legame.

Riuscirà Kasandra a lasciarsi andare? A fidarsi? a combattere i suoi demoni? A vivere quel sogno, quell’amore, a raggiungere quella serenità… Quello che merita di più… UN PO DI FELICITA’!
…«Vorrei baciarti, ancora e ancora. Non mi stancherei mai di farlo e di guardarti.» Mi perdo nel nocciola caldo dei suoi occhi, in grado di lasciarmi senza fiato, senza parole. Le sue labbra si avvicinano, sfiorano appena le mie e poi si ritrae. «Sto per baciarti, puoi sempre tirarti indietro se non lo vuoi quanto me.» La sua voce è bassa, autoritaria e armoniosa”…
… “«Baciami ancora», sussurro in tono impaurito, dando voce ai miei pensieri più nascosti. Sorpresa dalla mia stessa affermazione cerco di correre ai ripari e indietreggio, ma le sue labbra sono già sulle mie. L’impatto è un’esplosione di emozioni contrastanti. Paura.
Stupore.
Piacere.
Ripensamento.
Ancora piacere.
E infine pace”…

Ritroveremo i personaggi che avevamo già conosciuto nei precedenti volumi, ma li riscopriremo come “el Diablo”, il mio amato Carlos che qui è più carismatico che mai.
Per non parlare dell’insopportabile, arrogante , presuntuoso Ivan Volkov…
Blanca e Damian e che dire di Kris…
Ma quando sembra che tutto cominci a prendere la piega giusta, ecco che tutto si ribalta, ecco che tutto viene sconvolto…
Il passato a volte ritorna, e la famiglia Falco questo lo sa bene…

Un rapimento… di chi?
Le bugie, i dubbi, possono essere macigni che riescono a schiacciare anche le anime più forti, anche la fiducia più cieca… Che possono scatenare reazioni e azioni non lucide… Adrian si troverà a dover combattere la sua paura più grande, il rischio di perdere lei…
Tutto sembrerà perduto…
Questa storia sarà un susseguirsi di  suspense,  di emozioni contrastanti: dolore, paura, passione, fiducia, incertezze, rabbia e delusione.
Ma anche AMORE di quello con la A maiuscola , quello puro, quello vero, quello viscerale, dal quale non si può scappare …

la-mia-opinione

Ora… parto col dirvi che avevo preparato una decina di estratti da inserire nella recensione ma all’ultimo ho deciso di non metterli, perchè avevo paura di dire troppo, e questa è una storia che VA LETTA, VA VISSUTA E VA SENTITA.
Ho conosciuto l’autrice proprio con questa serie e mi sono pazzamente innamorata dei personaggi, fino a ieri il mio preferito era Carlos , ora Kas è nel mio cuore! Mi è piaciuto lo stile che aveva Anisa cosi diretto , coinciso, a tratti crudo, quasi sintetico, e dico ” aveva” perchè per chi ha avuto il piacere di leggere i suoi romanzi, qui troverà una Anisa “diversa” evoluta, più corposa, attenta, e come riesce a farti arrivare le emozioni… wow…Dio quanto ho amato i dialoghi, suprattutto quelli “non verbali”, i gesti, gli sguardi, la “chimica emotiva”…
Ho avuto insieme a Lisa l’onore di vivere tutta la ” crescita” di questa storia , e di vivere con lei ogni ansia, ogni dubbio ed incertezza. Ho amato riga dopo riga questa storia, questa ragazza guerriera mi ha rapito il cuore!… e non mi riferisco solo alla protagonista, ma anche a te cara Anisa! Si perchè sono felice che tu sia entrata nella nostra vita. E cara la mia guerriera, ti dico sii orgogliosa del tuo cammino , sempre!

Non mi resta che dirvi datemi ascolto andate a leggerlo!! Ne vale veramente le pena!

Questa è la mia valutazione, e come avrete notato in altre recensioni abbiamo adottato un simbolo, ( una diavoletta) per esprimere il nostro parere quando va oltre le 5 piume e per me questo la vale tutta! e ora vi lascio all’opinione della nostra Augusta.

voto:

43788533_297205380881305_4410278522128433152_n

la-mia-opinione

46514298_272409130086773_3007397956778196992_n.jpg

Augusta Rossi : BRAVE WOMAN di Anisa Gjikdhima Il terzo volume della serie Falco è probabilmente il più emozionale di tutti ed è il mio preferito. In questo romanzo conosciamo la figura femminile della famiglia: Kasandra. Lei è la donna dallo sguardo truce, la persona sofisticata e acida che tiene tutti a distanza. Una presenza già familiare per il lettore. Abbiamo avuto a che fare con il suo passato difficile tramite degli accenni nei precedenti volumi, ma in questo romanzo tocchiamo con mano la fragilità che si nasconde oltre questa figura dal carattere forte. Adrian Herrera, barista e pilota di villa Falco, non avrà vita facile con la donna che ama. Non solo si è invaghito di Kasandra, la protetta della famiglia, lei è restia ai sentimenti e ai rapporti con gli uomini che esulano dal mero lavoro. L’unica vera passione di questa protagonista sono le gemme, soprattutto quelle rare. Adrian è disposto a tutto per averla e senza dubbi si getta a capofitto alla conquista di Kas, la sua principessa irraggiungibile. Ci riuscirà? Posso dirvi che sarà molto faticosa la sua scalata per conquistare il cuore di lei e anche quando sembrerebbe che ci sia riuscito la sorpresa e l’imprevisto si nascondono sempre dietro l’angolo. Non sarà soltanto Kasandra a soffrire in questo romanzo, Adrian vedrà tutto il suo mondo strappato via dalle sue mani e dovrà fare una scelta importante: restare il bravo ragazzo che è, oppure osare entrare realmente nella vita di Carlos e nell’inferno del diablo. Kasandra, per l’affetto e il rispetto che nutre per la sua famiglia di villa Falco, è uno degli elementi chiave dello smercio di pietre preziose, se ne occupa personalmente. In questo volume si rapporta con un tipo losco e pericoloso attratto da lei, Ivan Volkov il capo della mafia russa. L’attrazione di quest’uomo verso i suoi confronti la porterà davanti a delle scelte e a dei limiti, la porterà a situazioni estreme e solo lei sarà in grado di decidere se fidarsi oppure no. Nonostante la drammaticità e la violenza, passata e presente che caratterizzano la famiglia di villa Falco, in questo volume il sesso è messo in secondo piano per i sentimenti. In un connubio perfetto tra il dare e l’avere, l’esserci e il fuggire, scopriamo un’emozionalità che mi ha commosso. Kasandra e Adrian riescono a toccare le corde giuste e a tratti mi hanno fatto versare qualche lacrimuccia. Nella terza serie esce anche l’umanità di Carlos, che resta sempre legato al suo personaggio senza mai perderlo di vista, il diablo non cambia, ma mostra sfaccettature della sua anima che me lo fanno definitivamente adorare. In un ritmo quasi adrenalinico, tra sfide, pericoli, confronti e conflitti il lettore precipita nel turbine sconvolto dell’anima di Kasandra, imprigionata in un mondo oscuro e freddo fatto di dolore. Si può toccare con mano la sua insicurezza, la sua titubanza che continua a nascondere dietro una maschera di freddezza e indifferenza. Ci sono momenti in cui, grazie ad Adrian, si vive una tale intensità che si vorrebbe urlare a Kas di reagire, di diventare la principessa che l’uomo innamorato che ha davanti vede. Se i primi due volumi ci hanno abituati a un ritmo incalzante di sesso e rabbia, qui abbiamo un concetto di tempo, attesa e rispetto che trasforma questo romanzo in un cammeo, forse non una Painite, ma di certo nello smeraldo di cui si è innamorato Herrera. Questo terzo volume si può considerare un autoconlcusivo, si può leggere da solo perché grazie all’abilità della penna dell’autrice è come se fosse una storia a sé. Si lega al passato e ai precedenti volumi, ma senza dipenderne. Lo stile di Anisa diventa maturo, il testo è più ricco e morbido, le scene restano cruente e dirette, ma impreziosite dai sentimenti che finalmente, in questo terzo volume emergono in modo prepotente. Ho amato Kas, i suoi dubbi, le sue insicurezze, la sua fragilità, la sua maschera, il desiderio di andare oltre e la paura di farlo. Sono stata con lei dentro la stanza sudicia dove era legata, con lei mentre lancia le scarpe in casa, mentre canta a squarciagola, su un pavimento in cucina, ma anche dentro la vasca. Momenti che resteranno impressi nel lettore, che lasceranno un segno e come quelli citati ce ne sono altri. Ho apprezzato Adrian, sempre un super sexy da paura, ma con un animo e un concetto di famiglia che mi è arrivato dritto al cuore. Faccio i miei complimenti ad Anisa per questa sua crescita sia sotto forma di scrittura che di emotività e per questo mi sento, se fosse possibile, di darle 5 piume con lode.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...