Recensione di Quell’amore inaspettato (Onlylove series vol. 1) di Alessandra Magnoli

Buona sera ancora peccatori e peccatrici ed ecco la nostra Augusta che ci illustra quello che pensa di questo romanzo.

51bfklpfwal

SINOSSI: Christoph Russo è un ricco imprenditore e famigerato playboy dal cuore gelido che nasconde un passato doloroso. Per lui l’amore è solo una perdita di tempo e per questo vive le sue relazioni senza compromessi.
Anna Conte è una giovane manager, bella e romantica nata e cresciuta a Roma, con alle spalle una famiglia amorevole e un’amica di sempre: Hurricane. Innamorata dell’amore ha collezionato diverse delusioni con uomini sbagliati che ora tiene a debita distanza.
Un trasferimento improvviso e un incontro inatteso stravolgeranno le loro vite.
Una serie di scontri fatti di fuoco, fiamme e tentazioni, stanno per attenderli, inconsapevoli, che in tutto questo dovranno fare i conti con un segreto che li coinvolgerà entrambi.
Chris e Anna, scopriranno cosa vuol dire amare?
Firenze, una delle città più affascinanti al mondo farà da sfondo a una storia d’amore inaspettata che i due protagonisti non potranno fare a meno di vivere.

Romanzo autoconclusivo

recensione

La lettura di questo romanzo si è presentata subito fluida e discorsiva, ma inizialmente non particolarmente coinvolgente. Ho trovato vari riferimenti a 50 sfumature, cosa che mi capita continuamente nelle storie scritte da autrici self. Al di là della R8 che ormai ha fatto storia e del ricco arrogante e dongiovanni attratto dalla ragazza che gli tiene testa, nonostante sia persa per lui, ho dato una possibilità a questa lettura perché sin da subito si è delineata come una commedia romantica. Difatti la narrazione si è sviluppata sulle mie aspettative aggiungendo ad un certo punto quell’emotivita’ che non avevo trovato all’inizio. Il ruolo predominante dei sentimenti lo ricopre Filippo, figura interessante che mette in po’ di pepe nella storia. È brillante la descrizione dedicata alla mamma e la parte della sua dipartita è ben narrata e coinvolgente. Il motivo per cui ho continuato la lettura è stata la profondità con cui l’autrice ha trasmesso queste sensazioni. L’empatia è arrivata permettendomi di immedesimarmi e avere la sensazione che la Magnoli sapesse di cosa stesse parlando al punto da farmi avvertire la sofferenza di Filippo. Dopo un’iniziale titubanza per una storia già letta sotto molte versione, mi sono ritrovata comunque ad apprezzare un romanzo che, se pur commerciale, è scorrevole e che mi ha permesso di passare qualche ora piacevolmente in sua compagnia. Ho sicuramente apprezzato il personaggio di Marisol anche se avrei gradito qualche dettaglio in più, mentre ho perso di vista Filippo alla fine della storia che è diventata, come era da aspettarselo, tutta rose e fiori. La ritengo una lettura perfettamente inserita nella contestualità moderna dei romanzi rosa che può piacere a molte lettrici e poiché presenta una stesura fluida ritengo che possa essere considerata una storia da 3 e 1/2 piume ora vi salutiamo baci, baci e alla prossima.

43742071_2174896119458894_4207591881489514496_n.png

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...