Recensione – “Un intero attimo di beatitudine” di C. H. Parenti

Bentrovate Peccatrici, è con un turbinio di emozioni che mi approccio a questa recensione… soprattutto lo faccio in punta di piedi, temendo quasi di rovinare tanta Bellezza! Chiara Parenti, il tuo romanzo è letteralmente “Un intero attimo di beatitudine”.

Un intero attimo di beatitudine cover[2509]Sinossi

Lui era alla ricerca di qualcosa.
Lei aveva bisogno di essere trovata.

Arianna Brandi non è certo una ragazza che passa inosservata: capelli rossi come il fuoco e occhi pieni di rabbia. La rabbia di chi ha già perso tutte le cose che contano davvero: la famiglia, l’innocenza, la voglia di credere nel futuro. Infatti, da quando il padre se n’è andato, sparito nel nulla senza lasciare traccia, la vita di Arianna non è stata più la stessa. Qualcosa si è spezzato, e lei ha cercato rifugio nelle compagnie sbagliate, tra alcol, feste e notti infinite. Le cose cambiano il giorno in cui Arianna viene bocciata e la madre la costringe a lavorare nel bar di un piccolo paese alle porte di Siena. Per Arianna quello è l’inferno, l’estate peggiore che possa immaginare. Almeno fino al momento in cui incontra Daniel. Lui è tutto ciò che Arianna non è: timido, riservato, serio. Se ne sta seduto in un angolo del bar con una vecchia macchina fotografica tra le mani, sempre solo. Tra i due l’amore scoppia come una scintilla inaspettata, sorprendente. Lui la trascina nel suo universo misterioso, lei trova il modo di ricucire i pezzi della propria vita. Daniel sembra essersi materializzato dal nulla per salvarla, per portarla via sul suo cavallo bianco come un cavaliere dall’armatura scintillante. Eppure Arianna non sa che il ragazzo che le ha rubato il cuore nasconde un segreto. E che, forse, sarà lei a salvare lui. Dalla penna di un’autrice straordinaria, una storia romantica e indimenticabile sull’amore e sulle seconde possibilità. Quelle che la vita ci regala, sempre e comunque.

A diciotto anni, l’amore può cambiare tutto.
In un solo, indimenticabile istante.

Titolo: Un intero attimo di beatitudine
Autore: C. H. Parenti
Editore: DeA Planeta Libri
Pagine: 288
Data Pubblicazione: 26 marzo 2019recensioneArianna Brandi è un anno e mezzo che brancola nel buio, sembra aver perso la luce che illumina il cammino verso la retta via. Quel faro porta il nome di Alessandro Brandi, e si è spento quando ha deciso di abbandonare quel borgo in provincia di Siena dove ha dimenticato di avere una famiglia. E proprio lui le diceva sempre…

“Se sai chi sei e sai cosa vuoi, hai il mondo in mano, Arianna”

Ora Arianna vorrebbe solo lui, quel padre che ha idealizzato, che le ha fatto vedere il mondo a colori… e che in un attimo l’ha reso in bianco e nero.

Due donne, madre e figlia, che si sono chiuse in se stesse, lasciando fuori dalla porta di casa il dialogo, badando bene a chiudere dentro  rabbia,  rancore…  solitudine! Una solitudine però che Arianna cerca di affogare tra i fumi dell’alcol e gli stravizi che ne conseguono… mezzi con i quali si svuota dei pensieri e sazia ogni tipo di appetito, ma che ogni qual volta si alza al mattino e torna a letto la sera, la fanno sentire come un sacco della spazzatura abbandonato là… dove gli avvoltoi arrivano e la svuotano anche di quel poco di buon senso.

Di una bellezza disarmante, con quei capelli rossi come il  fuoco che sicuramente non la fanno passare inosservata. Due palline nere a posto degli occhi, che la fanno apparire e assomigliare a quel pettirosso “fuori stagione”, che sembra le voglia portare un messaggio… sicuramente di buona speranza, se serve a farle incontrare un paio di occhi blu.

“Quel ragazzo mi fissa con un’espressione che non ho mai visto prima (…)  come se non mi stesse guardando fuori. Ma dentro. Non c’è ombra di malizia dietro quegli occhi di cielo, ma piuttosto curiosità. La stessa che provo io.”

Avvertimenti che la fanno desistere, che la vogliono allontanare da quel ragazzo del mistero… che le confonde le idee, con quei modi gentili, con quel rispetto innaturale per un diciottenne. Troppo giovane per possedere quella proprietà di linguaggio, sembra quasi sapere tutto lui, quasi leggesse delle carte. Invece no, lui gioca e “interpreta” utilizzando delle fotografie. Ma chi è costui?card 1[2510].jpg

“Mi chiamo Daniel Ferri (…) sono piuttosto un cercatore”

Cercatore? Ma di cosa? Semplice: di Bellezza.

Cosa pensate voi che sia la bellezza? Un qualcosa di propriamente estetico. Eh no, la Bellezza va ricercata altrove, nelle piccole cose, in quelle che spesso si danno per scontato. Arianna, nell’ultimo anno e mezzo, non è mai andata oltre. Si è fermata lì, di fronte alla prima cosa che vedeva e che la sua testa le indicava come giusta. Qualunque cosa dove non era necessario metterci il cuore! Quindi le andava bene ferire, sbagliare, danneggiare, oltraggiare… Purché  ne uscisse indenne ed appagata, per non pensare alle ferite di quel muscolo nel petto che era convinta di aver perduto…

Ma sempre di fronte a quel paio di occhi blu, ad un semplice sfioramento di mani… alla delicatezza e leggerezza di una “farfalla”, che lo sente  di nuovo quel cuore mai perduto, battere forte, incessante, martellante…

“Bum bum.
Bum bum.
Bum bum.”

Un sentimento che cresce insieme al mistero che viene a galla. Qualcosa nasce, qualcos’altro muore! Un turbinio di sensazioni nuove e contrastanti, si affastelleranno nel corpo giovane di Arianna che non saprà più come trattenerle!  Sfoceranno infatti in una maniera devastante e tragica…

“Ciò che non lascia un ricordo, una cicatrice, non diventa parte della nostra storia.”

Diciotto anni che hanno donato ad entrambi sofferenze indicibili ed una forza straordinaria. Due anime gemelle nate per compensarsi. Arianna ha trovato il proprio equilibrio, ma soprattutto ha imparato a dar voce al cuore. Daniel ha fatto uscire i suoi silenzi e colorato le sue giornate, rubando anche un po’ del quotidiano di Arianna. Un grande amore che vivrà a lungo nel tempo… per l’eternità.

“E hai trovato anche me, la vera me, che nemmeno io sapevo dov’era… Hai trovato davvero un sacco di cose…”
“Te l’avevo detto che sono un cercatore.”

Non fermatevi alle apparenze e soprattutto a quello che vi racconto in quattro parole. Come vi dico sempre, niente è come sembra…

la-mia-opinione

Di fronte a cotanta Bellezza, si ha quasi la paura di non essere adeguati, di non meritare tanto. Mi sento come Arianna, dopo aver preso coscienza di quale fosse la sua “bellezza”. Indegna vicino al suo principe azzurro, una me troppo piccola di fronte alla perfezione di Un intero attimo di beatitudine.

Chiara Parenti, prova con questo Young Adult, a calarsi nei panni di due diciottenni alle prese con il primo innamoramento. Un inizio affastellato di nomi nel quale ho cercato di farmi spazio per osservare… tentando di capire tra quei scapestrati, quale sarebbe stato il protagonista, il ragazzo che avrei visto vicino a quella folta chioma rossa. Un segnale che arriva poco dopo, come a folgorarmi con quel bagliore azzurro… nel quale mi perdo! La mia fantasia spazia e il mio cuore assume, insieme a quello di Arianna, un ritmo impazzito. Quel mistero mi avvolge d’ansia finché tutto non diventa chiaro e il mio cuore accelera ancora mentre un pezzo muore…

E’ impossibile non vivere appieno questo romanzo. Impossibile non entrare nella mente di Arianna e non capirne ogni mutamento. Impossibile non sentire ogni sua sofferenza… Sembra quasi che l’autrice abbia creato un bagaglio di emozioni per i protagonisti e lo stesso per i lettori, distribuendolo in maniera equa. Dire che mi sono sentita sulla scena è riduttivo. La loro storia si è chiusa ieri, in quell’ultima pagina ed oggi sono qui a scrivere, tra lacrime silenziose che non riesco a fermare, sentendoli veramente parte di me… e questo Bum Bum nel petto, mi ricorderà per sempre di quale capolavoro ho trattenuto tra le mani.

La maestria dell’autrice nel costruire qualcosa di veramente unico e di affidarlo a due giovani cresciuti troppo in fretta. La frenesia, il lavoro, i problemi quotidiani, spesso non ci fanno fermare a guardare, ad andare oltre. Dovremo invece soffermarci ad osservare di più i nostri figli… Provando ad andare oltre a quella felicità apparente, spesso dietro a quegli occhi che ridono, si nascondono delle ombre… che solo l’amore, il dialogo, la comprensione possono, nei tempi giusti, diradare ed eliminare.

“Guarda nel cuore delle persone, sentilo palpitare: non lasciarti confondere da quello che vedi fuori, in superficie, a volte è solo un colore troppo acceso (…) guarda bene in fondo, in profondità, vedrai un sacco di sfumature incredibili che a loro volta ti racconteranno storie incredibili.”

Una storia di speranza. Arianna ad un certo punto ha iniziato a crederci e il suo amore, ha lasciato tutti a bocca aperta! Vi stupirete, crederete anche alla possibilità che un pettirosso possa cacciare e uccidere anche un serpente albino che con le sue spire è capace di annientare una vita intera.

In questo romanzo, in ogni riga, nello spazio di ogni parola, troverete “Bellezza”. Se ne carpirete l’essenza, avrete anche voi il vostro intero attimo di beatitudine.
Una raccomandazione: fazzoletti, tanti, ne avrete bisogno!

Sublime e in quanto tale… merita il top! Una standing ovation a Chiara Parenti!

La vostra Maika, dal cuore intenerito, vi aspetta per scambiare attimi di Bellezza!

received_1103639956483369791754020.jpeg

 

Link d’acquisto per Un intero attimo di beatitudine

 

 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...