Recensione “Chiamami Melly” di Alessandra Fortunato

Buongiorno peccatori, ecco la vostra Thammy a parlarvi di questo romanzo della “Queen edizioni” .

Melly: una ragazza, piena di vita, legata alla sua terra in modo viscerale, forte, caparbia ma con ombre del suo passato che la rendono anche fragile. Due “capi”. Giacomo: serio, cordiale, sempre gentile.

Giorgio: bello, donnaiolo, uno stronzo da manuale.

Un ammiratore segreto: le sue poesie (bellissime) i suoi messaggi nell’ombra.

Che dirvi di questa lettura… Bella, scorrevole, piacevole. Una storia d’amore dolcissima.

…”E un giorno ti svegli, ma non vuoi aprire gli occhi, perché il profumo che ti circonda è tra i più buoni che tu abbia mai annusato. È un odore che vorresti avere con te per il resto della vita, ogni mattina e ogni sera, ogni sera e ogni mattina. E se a esso si aggiungono due braccia forti che ti stringono, come se tu fossi un bene prezioso da custodire gelosamente, allora non esiste nessun risveglio migliore di questo”…

La Fortunato,una piacevole scoperta, il suo stile semplice ti accompagna nella lettura, ti porta per mano a conoscere i suoi personaggi, a vivere le loro emozioni. Ha questa dote ironica che porta un tocco di “freschezza” a tutta la storia. Ho adorato i dialoghi tra Melly , la mamma e che dire della nonna? Mitica!

Sono incuriosita dallo stile di questa autrice, è come se ci fossero due mani differenti, due anime a scrivere, è come se una parte rimanesse nascosta, un po’ timorosa che a tratti esce e la intravedo nei pensieri del personaggio dell’ammiratore segreto, qui viene fuori una Fortunato diversa, più profonda. Sono sicura che il futuro, la crescita di questa autrice, potrà portare piacevolissime sorprese. Ha tanto da dare e sono curiosa di scoprire cosa sarà capace di creare. Aspetto con ansia il suo prossimo romanzo che, suppongo parli di una certa “amica” di Melly visto che nel finale… e non dico altro…

…”Quando un uomo ama veramente viene conquistato da un senso di completezza. Quando stringe la sua donna tra le braccia non è solo la carne a godere… lo fa la mente, il cuore, ma soprattutto l’anima. In quegli attimi ci si sente immortali e invincibili, perché niente fa esplodere il cuore come perdersi nello sguardo della donna che si ama e leggervi dentro tutto l’amore, la passione e la lussuria del mondo”…

E con questo ultimo estratto vi consiglio questa lettura e vi do appuntamento alla prossima recensione.

Un bacio.

La vostra Thammy.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...