Recensione – “Un cavaliere tutto suo” di Jill Barnett e tradotto da Isabella Nanni

Buonasera Peccatrici dalla vostra Maika. Eccomi qua con un piccolo rosa storico, che vi regalerà ore di allegria, nelle quali sognerete dalla prima all’ultima pagina.

51EMrD2FZbLSinossi

Nel tentativo disperato di evitare un matrimonio imposto con il Barone di Warbrooke, il cavaliere più temuto d’Inghilterra, Lady Linnet di Ardenwood assolda il pericoloso mercenario William de Ros perché l’aiuti a fuggire in convento.

A sua insaputa, de Ros in realtà è proprio il nuovo Barone di Warbrooke e d’accordo con il protettivo nonno di Linnet ha solo una settimana per farle la corte e conquistarla. Se solo sapesse come fare a corteggiare una dama…

Dall’autrice Jill Barnett, più volte in vetta alle classifiche del New York Times e già pubblicata in precedenza da Mondadori, ecco un racconto incantevole ancora inedito in Italia.

Titolo: Un cavaliere tutto suo (Inganni d’amore Vol.1)
Autore: Jill Barnett
Editore: Babelcube Inc.
Genere: Historical Romance
Prezzo: euro 2,70
Pubblicazione: 4 aprile 2019

recensioneLady Linnet di Ardenwood, ha diciotto anni ed è in piena età da marito, se non fosse per quel nonno possessivo che sembra sappia dire solo un NO categorico a tutti i gentiluomini che accorrono per chiederla in sposa. Ma al ritorno dall’ennesima battaglia, sopraffatto dalla violenza, dai fumi dell’alcol, dal sonno e forse da una forzata astinenza… gli occhi del Barone di Warbrooke rimangono incantati di fronte a quella visione, estranea da tutto ciò che intorno a loro è avvenuto e sta accadendo, chiusa nel suo mondo fatto di natura e piccoli amici. Una Dea, una fata… tutto ciò di più bello si può avvicinare ad una creatura femminile, lei lo è…

“Sarebbe stata sua – si, sarebbe stata sua – questa figlia delle fate, la donna dagli occhi così selvaggi”

Trascorrono mesi, necessari al Barone ad architettare la via giusta per aggraziarsi o almeno ottenere la fiducia del Conte di Ardenwood… il desiderio verso quel paio di occhi gialli e capelli rossi, è ancora vivo dentro se.

Ma le chiacchiere, spesso aiutano ed altre distruggono. Sicuramente non giovano all’animo di Linnet che escogita la fuga verso il convento, dove è sicura di poter sfuggire alla corte forsennata del Barone, il quale porta con se una reputazione non del tutto onorevole…

Basta un pugno di monete ed il gioco è fatto per accaparrarsi il più spietato e forte dei mercenari, ed è cosi che “la più giovane nipote del conte di Arden, aveva intenzione di comprarsi un guerriero”.

“William de Ros era spaparanzato su una sedia, le lunghe gambe distese, gli stivali di pelle consumati incrociati all’altezza della caviglia e appoggiati sul bordo del tavolo”.

Un viaggio lungo sei giorni, nei quali potrebbe e “dovrebbe” succedere di tutto. Giorni di indifferenza e… strana complicità, nei quali non mancherà tanta avventura. E se non fosse stato per l’apporto prezioso di Svitino…

Neanche cento pagine per sorridere e soprattutto sognare. L’obiettivo da raggiungere? Una conquista, non di terre lontane… ma di un cuore, forse troppo vicino!

Ma alla fine, questa battaglia, verrà vinta dall’arguzia, dall’esperienza e maturità del “vecchio” Conte Arden o la spunterà l’aitante Barone di Warbrooke? Se iniziate ora, a scoprirlo, farete dei sogni veramente… tinti di rosa!

la-mia-opinioneDopo un pugno di ore spensierate, mi sento di pronunciare una tra le frasi più banali che mi saltano alla testa: un romanzo davvero bello!

Un’autrice che non conoscevo e per questo non sapendomi cosa aspettare, ho aperto la prima pagina con leggerezza… la stessa che ho ritrovato quando ho chiuso l’ultima. Una piccola chicca, dove l’amore fa da padrone. Spicca sicuramente quello di un nonno preoccupato per la minore delle nipoti e di un uomo sotto l’effetto di un colpo di fulmine, ma con i postumi della scolatura di un indefinibile numero di barili di birra! Ecco che in maniera diversa, la giovane Linnet, sembra avere un potere incantatore sugli uomini…

Non ne è immune neanche il narratore, che con la sua leggiadria ed eleganza, ci fa assistere a “balli e concerti” improvvisati, a viaggi avventurosi e soprattutto a momenti di tenerezza, non sempre soltanto umani…

Una novella, un piccolo romanzo… quasi una favola che vi convincerà che niente è perduto. Mai abbandonare l’obiettivo nel quale si crede, mai concedersi al fallimento e all’arrendevolezza… anche se questo comporta procedere per percorsi impervi.

…stava agitando quattro piume colorate – una nera, una azzurra, una rossa e una gialla”

… aggiungo la mia, sempre di un bel rosa deciso, raggiungendo il numero giusto, cinque! Sperando che anche questo consiglio libroso sia gradito, vi auguro al solito una buona lettura!!!

38029029_2233150690240407_8698156180037435392_n

Link d’acquisto di “UN CAVALIERE TUTTO SUO”

 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...