RECENSIONE RUBIN DI TERESA GRECO

41YMX0cNRyL

Titolo: Rubin
Autore: Teresa Greco
Editore: Self Publishing
Serie: Gemstoneseries 1
Genere: Contemporaneo, suspense
Data di uscita: 24 marzo 2020
Autoconclusivo
TRAMA
Rubin Miller è il secondo figlio dei ricchi coniugi Miller. Proprietario insieme a sua sorella della gioielleria di famiglia, il Quilates è un posto che, nelle loro mani, ha subito un’evoluzione insolita.
Il destino lo porta a incontrare una bella e schietta prostituta di nome Lily. Il suo viso angelico, tempestato di peculiari lentiggini, è un dettaglio che resta impresso. Rubin le propone un affare importante, l’occasione di riscatto e indipendenza che lei ha sempre sognato.
Rubin e Lily sono ghiaccio e fuoco, ma la le loro vite sono accomunate dall’amarezza di lacrime passate, e dalla paura di amare e sbagliare.
Qualcosa comincerà a cambiarli e avvicinarli, tuttavia, il peso delle scelte fatte incomberà sul loro cammino. Si ritroveranno coinvolti in una situazione piena di segreti, incomprensioni, baci proibiti e suspense.
Spesso il passato può condizionare il nostro futuro, ma fino a che punto? Quale sarà la strada che intraprenderà Lily?
Queste due anime tormentate sono davvero destinate a trovarsi e congiungersi?
Tossico è l’amore.
È veleno per lo spirito.
È una malattia del cuore.
È un’ombra che si cela tra le proprie debolezze e ti soffoca, senza ucciderti, perché il suo scopo ultimo è farti impazzire, agonizzare.
*ATTENZIONE*
Il romanzo contiene scene di violenza e sesso esplicite, adatto a un pubblico adulto e consapevole.

Banner Recensione
Eccomi peccatrici, sono contenta di chiudere il Review Party di Teresa Greco. Sono pentita di non aver letto i suoi libri già pubblicati, perché è veramente brava… Ma recupererò sicuramente.
Che posso dire di Rubin e Lily?! Posso iniziare con un bel WOW!?
Questo romanzo mi ha rapita, fatta incazzare, scalpitare, ridere, disperare insomma direi che la conclusione è semplice, ho veramente detto molte parolacce, Esmerald non ne sarebbe affatto contenta.
Un romanzo che ti regala troppe emozioni che ti divora con la voglia di arrivare alla fine. Rubin e Lily si incontrano fatalità della sorte, per “lavoro”, da lì le loro vite si intrecciano e non potranno più tornare indietro. Il passato di Lily la fa dubitare di tutte le persone che le stanno accanto, soprattutto degli uomini, Rubin sarà una presenza tanto scomoda, quanto rassicurante. Lui dal canto suo, non è differente, perché la vita ha voluto che avesse ferite profonde difficili da rimarginare. Fin’ora nulla l’ha scalfito se non l’arrivo della più bella prostituta mai vista. Quindi aspettatevi di vivere tutta la suspance che una storia d’amore tossica e tormentata possa donarvi, preparate tante malox (io non l’ho fatto e me ne sono pentita) e armatevi di pazienza. Non vedo l’ora di poter recuperare, ma anche di poter leggere il seguito quello di Esmerald. Una donna molto cazzuta, ma secondo me molto fragile e facilmente malleabile. Sono convinta che col secondo mi farà morire, mannaggia a lei, ma non vedo l’ora.
Quindi cosa aspettate peccatrici?! Un romanzo da leggere sicuramente!!
 Baci, baci la vostra Lisa. ❤
IMG-20200412-WA0039
“Scusa, ma non capisco…”commento confusa. “Tranquilla, non è importante che tu comprenda a pieno di cosa parlo. Adesso devi solo sapere che un importante imprenditore cerca una partner per il resto della sua vita. Vuole compagnia, appagamento e, soprattutto, pretende una donna che sia indiscutibilmente bella.”“Per questo volevi incontrare me e le mie amiche? Credi che una di noi possa fare al caso suo?”“Beh, ho sentito parlare di voi come delle prostitute bellissime e molto diverse, quindi sì, voglio sapere se vi può interessare l’idea di essere acquistate dal nostro cliente. Se invece la cosa non dovesse fare al caso vostro, possiamo comunque mettervi in contatto con altri uomini benestanti che cercano scopate occasionali.”La sua proposta mi sorprende molto. In questo momento mi sento come se Rubin rappresentasse un biglietto vincente alla lotteria. Mi verrebbe da saltare per la gioia e ringraziarlo per la possibilità di incrementare i nostri guadagni, dando una svolta alla mia vita, ma cerco di rimanere lucida. Prima di dare qualsiasi risposta, è sempre meglio chiarire ogni dettaglio. “Fingiamo per un attimo che io accetti di essere venduta a questo fantomatico imprenditore…i soldi della vendita a chi vanno?”“Ovviamente vanno a noi che ci siamo adoperati per trovarti.”“E io cosa ne ricavo?”Rubin cerca i miei occhi e stabilisce un intenso, quanto pericoloso, contatto visivo. “Ne ricavi una vita da regina. Niente più clienti balordi e squattrinati, niente vestiti acquistati al mercatino dell’usato, niente case che cadono a pezzi e preoccupazioni per le bollette da pagare. Sarai mantenuta sotto ogni aspetto, qualsiasi desiderio ti venga in mente verrà esaudito…e sarai così ricca da riuscire a dimenticare la vita di stenti che hai fatto sino ad oggi.”
Devo ammettere che mi è piaciuto parlargli, ascoltare anche le sue confessioni e affrontare apertamente argomenti delicati come la morte dei suoi genitori, o la condizione di apatia nella quale è piombato subito dopo. Ma da quel giorno, ripenso spesso a lui con estremo rammarico. Mi dispiace sapere quanto fatichi a lasciarsi andare. Amare, soffrire, gioire o arrabbiarsi sono quelle piccole emozioni, dalle variegate sfumature, che hanno il potere di farci sentire realmente vivi. Se non possiamo provare nulla di tutto questo, cosa diventiamo? Dove risiede il senso di ciò che siamo o lo scopo per cui esistiamo? Per quanto possa essere doloroso il mio passato, sono ben lieta di provare ancora qualcosa che mi permetta di definire chi sono e ciò che voglio. Se non avessi il mio dolore, non avrei nemmeno la motivazione per ambire a una vita migliore. Dal suo canto, Rubin non sembra intenzionato a fare qualcosa per cambiare il suo stato d’animo a tinte monocolore e, di certo, io non posso convincerlo del contrario.
Le donne guardano allo stesso modo le collane, gli anelli, o le pietre di grosso taglio. Ma per la prima volta, con Lily, vedo la meraviglia per qualcosa di tremendamente semplice. Un tramonto sul mare. Nei suoi occhi c’è il riflesso di quel colore aranciato che illumina tutto il cielo, mentre le sue labbra disegnano un sorriso spettacolare. Non si è spento neanche per un attimo da quando siamo qui. Mi rende felice vederla così. Non lo so perché. Non so nemmeno perché mi sia preso tanto a cuore i desideri di una ragazza che conosco da pochi giorni, ma c’è qualcosa in lei e nella sua storia, che mi fa sentire il bisogno di regalarle quello che posso. Forse questo è il senso dell’amicizia: fare qualcosa di generoso per un’altra persona, semplicemente perché ci piace vederla sorridere. Allora perché provo un profondo fastidio ogni volta che penso alla parola amicizia? Mi sembra un assurdo controsenso. Per fortuna è Lily stessa a interrompere il mio flusso di pensieri, invitandomi a fare il bagno insieme, e io accetto volentieri. Inutile dire che vederla davanti a me in bikini, ha subito confermato ciò che ho sempre pensato del suo corpo. È bellissima, sensuale, una vera donna nel massimo del suo splendore, dotata di una carnagione chiara e delicata. Mi viene voglia di toccarla. Mi viene voglia di rubarle un brivido. Mi viene voglia di fissarla per ore. Mi viene voglia di…Di nulla, idiota. Lily è solo merce che non ti appartiene. Giusto. Immagino che la mia odiosa coscienza abbia ragione.
Deve essere mia e se per averla devo pagare, allora è quello che farò. Mi inserisco nel sistema delle offerte e propongo sette milioni. “Sette milioni, qualcuno vuole rilanciare ancora?”Spero proprio di no, peccato che Gerard sia un dannato osso duro. “Dieci milioni dalla postazione 4. Confermati ben dieci milioni.”Anche se sto fingendo di rimanere esterno a questa battaglia, decido di non mollare e salgo a dodici milioni. Probabilmente sono impazzito, ma ho bisogno di Lily e ho bisogno di salvarla dalla terribile vita alla quale si vuole condannare. Di colpo arrivano altre due offerte. Una di tredici milioni da parte della postazione 5 e una di ben quindici milioni dalla postazione 4. Merda! Questi stronzi si venderebbero anche la madre pur di averla. Stringo con determinazione il mio tablet e inserisco la folle somma di diciassette milioni, ma, appena confermo, il sistema mi avvisa che il mio account è stato bloccato. “Cosa? Che significa?”È in quel preciso istante che entra mia sorella, furiosa come non mai. “Che cazzo stai cercando di fare? Oggi sei completamente fuori di testa!”“Non so di cosa tu stia parlando.”Mento senza ritegno. “Ah no? Intendi davvero fingere con me? Ti ricordo che dal mio computer vedo tutto!”“E quindi?”“E quindi stavi per offrire diciassette milioni per comprare Lily!”Scrollo le spalle con indifferenza. “Cercavo solo di far rialzare un po’le offerte. È solo strategia.”“Piantala di prendermi in giro. Mi sembra che oggi tu stia facendo ogni sorta di capriccio pur di avere quella donna!”Le sue parole mi infastidiscono. “Il mio non è un capriccio. Credo di provare qualcosa per lei e non vedo perché condannarla a stare con Gerard, quando potrebbe avere una vita altrettanto dignitosa con me.”“Mi dispiace ma è troppo tardi per decidere di intervenire e fare il suo cavaliere dall’armatura splendente! Vi siete frequentati per due settimane e anche se mi hai sempre detto il contrario, lo so che vi siete visti anche per motivi che esulano dal nostro lavoro. Se provavi davvero qualcosa, avresti dovuto dirglielo prima.”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...