Recensione Cancer – serie Black Dynasty #6 – di Marilena Barbagallo a cura di Thammy e laSabi

TITOLO: Cancer
AUTORE: Marilena Barbagallo
SERIE: Black Dynasty
GENERE: Contemporary Romance -Forbidden
DATA D’USCITA: 8 Febbraio 2021
LINL ACQUISTO:
TRAMA: Quarta nella linea dei Dodici e non per ordine d’importanza, precisiamolo. Metto anima e corpo in tutto quello che faccio. Forse più corpo. Niente cuore, l’organo che fa tum tum è roba da deboli. Niente gabbie, a meno che non si installino per giochi hot. Posso scriverle queste cose o rischio la censura? Dicevamo… Niente sentimenti. Solo indipendenza e divertimento. Non si è ancora capito chi sono? Credo non serva dirlo. Vi basterà sapere che, in questo preciso istante, darei fuoco alla torre dell’Ariete, facendo ardere, nelle fiamme della mia ira, mio fratello e la sua futura consorte. La ragione? Hanno osato invitare al loro imminente matrimonio un individuo a me sgradito. Non lo nominerò, non merita tante attenzioni. Obiettivo del giorno: sabotare le nozze dell’anno. So cosa state pensando. Siete certi che non ce la farò, ma io sono disposta a tutto, persino a cooperare col criminale di famiglia. Zakhar troverà il modo migliore per far fuori il mio nemico. Come ho fatto ad arrivare a questo punto?! È tutta colpa sua e del suo didietro di marmo. Non quello di Leskov, che è notevole, certo, mi riferisco a quello di Nol… No, non farò il suo nome. Vincerò io, come sempre. Parola di Chantal Cancer Leclerc.Nolan Duris ha cercato di dimenticare la donna che ha messo in discussione i suoi sentimenti. Si è dedicato alla sua professione di psicologo, mandando avanti la sua vita piatta e un matrimonio che lo soffoca da tempo. Il giorno in cui rivede colei che è stata la sua storia d’amore segreta, si rende conto di essere semplicemente spacciato e che la felicità può essere sfiorata, se solo si ha il coraggio di prenderla per mano.

Ed eccomi a dirvi la mia, su questo nuovo  capitolo  della serie Black Dynasty e parto cosi:

…Caro maschio, puoi portarmi dove ti pare, purché tu sia disposto a divorarmi. Mordimi, graffiami, stringimi, colpiscimi e fammi fare le giravolte. Io vivo a mille. Esisto per sentire tutto nella pelle e nell’anima. Niente cuore, l’organo che fa tum tum è roba da deboli…

Mamma mia quanto amo questa donna! Chantal è  un portento, uno schiacciasassi senza empatia, senza filtri ne delicatezza o accortezza per chi la circonda…

Caz..te! Quella è  solo una corazza che ricopre una delle anime più  belle e pure di tutta la famiglia Leclerc che la nostra Barbagallo  ci abbia portato a conoscere.
E il dottorino Nolan? Sarà uno dei pochi che riuscirà a vedere quell’anima  che non chiede altro che di essere amata, che lo urla a granvoce ma che nessuno sente. Nolan, riuscirà  a penetrare lo scudo invisibile che protegge la sua “sputafuoco” e ne verrà  travolto a sua volta perché LEI È VITA.

… “Ma non lo capisci?», la sua domanda, risuonante con un tono di voce estremamente sensuale, mi vibra in corpo come una ventata d’aria gelida. «Spiegami! Cosa dovrei comprendere?». Sento il muro alle mie spalle e mi ci appoggio, mentre lui mi imprigiona aprendoci un palmo contro. «Che non ce la faccio»…
…«Non ce la fai a stare con me o…». «Non riesco a non stare con te. Sei come l’inevitabile, sei la cosa più simile al Destino e sei un circolo vizioso che si ripete nella mia mente. Notte dopo notte. Più cerco di non pensare a te, più compari prepotente. E non ce la faccio più». Mi afferra i capelli dietro la nuca, battendo con rabbia la fronte contro la mia. Vorrei toccarlo, abbracciarlo e stringerlo forte a me, ma stavolta pretendo che sia lui a capire di volermi davvero”…

Ecco, la loro storia sarà uno scontro tra titani, un rapporto bellissimo, forte, diretto “pulito” dove la menzogna non ha vita, dove la passione, l’istinto, ne faranno da linea guida e sarà prepotente,  disarmante. Ho amato il modo pazzesco di interagire di questi due personaggi, l’uno l’opposto dell’altro, talmente diversi da essere complementari.
La Barbagallo ha la dote di renderli così veri, così vivi!
E tu puoi solo assorbire tutto, entrare nella storia, fare tua ogni emozione, ogni pagina e  VIVERLE.
Non so quanti estratti ho salvato per poi cancellarne più della metà, allora vi saluto e vi lascio con quest’ultimo e mi raccomando non potete perdervi la storia della nostra “Cancer” .

…«Quali colpe dovresti avere?» «Non avrei mai dovuto permettere di farti diventare tutti i miei silenzi»…
…«Quindi, cosa sono io per te?» «Sei ciò che non dirò mai, sarai nei miei pensieri in eterno, l’amore inconfessabile, quello che ricorderò per il resto della mia esistenza». «Tu…»…

Un baciotto
la vostra Thammy

Pronte a tornare al Castello Leclerc peccatrici?!? Ci torniamo col botto 😏 èh sì perché  stavolta Marilena ci racconta la storia di Chantal..il Cancer. Se avete letto i primi libri della serie sapete benissimo chi è Chantal Cancer Lechler, quarta della dinastia, colei a cui nessuno mette i piedi in testa, colei che comanda e non si sottomette a nessuno, e soprattutto colei che non ha bisogno di nessuno a parte se stessa..fino a quando la sua strada non s’intreccia con quella del Dottor Nolan Duris 😏 Tutto inizia da una forte attrazione, una fissazione..ma cosa succede se sotto questa si nascondono dei sentimenti?!? E se questi poi fossero ricambiati….mmmhhh non ne avete idea 🤭 I primi incontri tra i due sono dei veri e propri fuochi d’artificio 🤭 io adoro Chantal…e al tempo stesso la strozzerei ogni tre per due 😆 e al bel dottorino ne farà vedere di ogni 😆

Nolan nasconde un passato al quale è difficile allontanarsi, un legame con la moglie che va oltre l’amore tra una coppia, e dal quale è difficile staccarsi, ma forse l’arrivo di Chantal lo aiuterà ad aprire gli occhi e capire che per lui la vita ha in serbo altro..e Chantal?!? Lei che teme di essere come la madre e che per questo non si è mai legata a nessuno..riuscirà il nostro dottore a farle sconfiggere i suoi demoni e farle scoprire il vero amore?!?

Scontato dirvi che sarà presente tutta la famiglia al gran completo, ad ogni libro infatti ritroviamo ognuno di loro e il proseguo delle loro storie (cosa che a me piace tantissimo..tanto per non perdere di vista nessuno 😉)

Che altro dirvi..adoro nella maniera più assoluta la penna di Marilena, e non è la solita “banalità” o sviolinata lo giuro, perché io un anno fa ancora non la conoscevo (😟 #meaculpa) ma negli ultimi 12 mesi ho recuperato tutti i suoi libri grazie al mio Boss (che mi ha voluta con lei in questa recensione ❤️ perché sa quanto amo questa serie) e la cosa che amo di più della sua scrittura è che nei suoi libri, ma in particolar modo nella Black Dynasty, ho trovato sempre tantissime emozioni, il suspense, l’amore, l’adrenalina, il dolore, il valore della famiglia..la tachicardia 😬 che non manca mai..
Detto ciò..resto in trepidante attesa sul prossimo libro della serie (sto già facendo pronostici 🤔 e voi..li avete letti tutti i fratelli Lecler?!?!? Correteeeeeee
Buona lettura 😉
la sabi_peccatrice

Sarebbe più appropriato dire che Chantal Cancer Leclerc è nota per essere la più mondana della dinastia, una mangiatrice di uomini, collezionista incallita di modelli e influencer, ma io so solo che è la spina del mio cuore, la fiamma della mia pelle e la luce della mia anima.

Tutte le mie certezze crollano. La barricata, che ho costruito nell’arco della mia vita, scricchiola, e la freddezza e l’egoismo che mi contraddistinguono svaniscono, aprendo la strada a una me che non avevo mai conosciuto, se non nel periodo in cui ho frequentato il suo studio. Inizialmente, ne sono rimasta spaventata. Non mi riconoscevo, mi sentivo diversa. Poi, invece, ho amato la persona che ero al suo fianco. Non ho mai mutato la mia natura, quella è rimasta sempre prepotente fra noi, al punto da separarci, ma nei brevi attimi di leggerezza, nelle serate rubate alla nostra quotidianità, nelle ore in cui mi accoccolavo sul suo petto, lasciando fuori tutto e tutti, la sensazione di pace, estasi e completezza mi avvolgeva, insieme alle sue braccia. E mi sono sentita felice con lui.

Ora lo so, lo capisco, non è un posto a rendere speciale un attimo, sono le persone stesse a divenire l’istante perfetto, il secondo che andrà a scandire le pulsazioni del cuore. Chiudo gli occhi e catturo il momento nella mia mente, imprigionando tutte le sensazioni che sto provando adesso, nelle pause che farà il mio organo vitale da ora in poi. E in ogni arresto, tra un battito e l’altro, so che sentirò sempre le sue dita che mi accarezzano le labbra, il suo sospiro caldo che mi avvolge, la sua presenza e il suo odore.

«Sei ciò che non dirò mai, sarai nei miei pensieri in eterno, l’amore inconfessabile, quello che ricorderò per il resto della mia esistenza».

Mi fermo un momento, serrando le palpebre e lasciandomi colpire dalle gocce. E in un attimo è petricore: profumo di pioggia sulla terra. Il momento si scalfisce nella mia mente, incamero il tipico odore di asfalto bagnato e lo nascondo nella camera dei ricordi, conservandolo per riviverlo qualora lei dovesse tornare. Non ci sarà più pioggia per me, se non la sola che mi riporterà sempre a lei. Il petricore mi ricorderà l’addio o, più probabilmente, il nome di Chantal, lei che mi chiede di restare. Non penserò più a un temporale senza ricordarmi dell’intenso cremisi delle sue labbra, del rosso acceso dei suoi capelli, del sorrisetto più diabolico che abbia mai visto, di quelle biglie scure del colore del miele, tanto espressive, curiose, spontanee, sempre sincere. Sarò per sempre innamorato della donna che, ad un piccolo attacco, risponde con un bombardamento. Sì, mi ricorderò di lei ogni volta che pioverà, come un promemoria, una carezza a distanza o, nel peggiore dei casi, una condanna

«Tu, per me, ne varrai sempre la pena, anche se dipendesse soltanto da un tuo sorriso, da una tua comparsata nel mio studio, da un bacio rubato». Le sposto le ciocche rosse dietro un orecchio e la vedo rabbrividire appena, poi, con i polpastrelli, le sfioro la guancia. «Per questo…», le accarezzo il viso, passandole un pollice intorno alla bocca e sporcandomi di rossetto. «Solo per questo manderei all’aria tutta la mia vita». «Solo per le mie labbra?» «Solo per sentirti mia».

Voto Unanime : 5 PIUME

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...