Cover Reveal Sceglimi Stringimi Amami di Adelia Marino

TITOLO Sceglimi. Stringimi. Amami
AUTORE Adelia Marino
GENERE Contemporary romance, slow burn, soul mates
PREZZO: 2,99 ebook – 7,99 copertina flessibile – 9,99 copertina rigida

PROMO USCITA: 0,99 ebook SOLO PER 48H

Trama

Julie, per uno come me, è terribilmente pericolosa.
Julie Brant è una giovane insegnante nella problematica scuola superiore dell’East Cleveland,
situata in una zona povera e pericolosa della città. Quella di Julie è una scelta ben precisa: vuole
dare speranza a questi ragazzi, mostrare ai suoi studenti che la speranza esiste per tutti e che anche
loro possono avere un futuro. Quando incontra Trey, ancora non sa che lui è nato e cresciuto in
quella zona e che ha vissuto sulla sua pelle la povertà e la criminalità di quel luogo. Le vite di Trey
e Julie si incontrano sul terreno comune delle speranze per il futuro e del dolore nascosto nell’abisso
del passato, ma la strada per trovarsi davvero è lunga e tortuosa. E il pericolo li attende, pronto a
metterli alla prova e a costringerli a confrontare la sfida più grande: imparare di nuovo ad avere
fiducia e ad aprire il cuore, nonostante tutte le difficoltà.

Estratto:
Il primo dettaglio su cui fermo l’attenzione è dato dai suoi occhi. Non ne ho mai visti di tanto scuri,
pericolosi e freddi prima d’ora. Subito dopo, non posso fare a meno di notare la massa di capelli
neri, la barba incolta e l’outfit da teppista con tanto di catenina per il portafoglio. Insomma,
nell’insieme ha tanto l’aria da: “Posso ucciderti quando voglio, come voglio e perché lo voglio”.
«Hai finito di farmi la radiografia? Vorrei delle scuse» sbotta lui. Mi concentro. Che ha detto?
«L’inferno congelerà prima che tu le riceva», ribatto, fiera, ma quando noto l’accenno di un sorriso
da: “Sarò il motivo per cui le mutandine ti si bagneranno”, inizio a preoccuparmi. Meglio tagliare
corto. «Senti, vorrei poter dire che mi piacerebbe continuare a perdere tempo qui con te, ma non
sarebbe la verità e, fra le altre cose, devo andare a cambiarmi la camicia e poi farmi licenziare, visto

che mancano dieci minuti alle otto e non arriverò in tempo al lavoro perché sono una ritardataria
senza speranze e il preside non porterà pazienza per sempre. Quindi, grazie per aver contribuito alla
giornata peggiore della mia vita, tanti saluti, addio, ciao!».

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...